Vela in Croazia RSS Feed

Vela in Croazia

Vacanze a Vela in Croazia. Info, Itinerari, Consigli, Segnalazioni

 
 
 
 

Archivio NonSoloVela

Non solo vela

Può darsi che abbiate voglia di fare una vacanza più comoda, ma al tempo stesso itinerante, e comunque sul mare.

Allora potreste anche valutare la proposta di TravelBird, che vi propone una settimana su una barca … ibrida! Ha le vele, ma di fatto è un moderno Caicco.

L’offerta era segnalata da Vita da Turista, anche se con diverse imprecisioni, a cominciare dal fatto che non si tratta esattamente di una vacanza in barca a vela in senso stretto. L’importo minimo indicato, inoltre, non è al momento più disponibile. Si parte da 725 e non da “meno di 600€”. Inoltre si tratta del prezzo per la bassa stagione.

Volendo si può cominciare a pianificare il prossimo viaggio, no?

Turisti siciliani malmenati a Mala Proversa

Chi ricorre all’uso della violenza per far valere le proprie ragioni è da condannare, sempre e comunque. Però leggendo stamane su “La Sicilia” l’articolo che riportava la notizia che dà il titolo a questo post, mi sono venuti parecchi dubbi.

Stando a quanto dice l’articolo sul giornale (la versione on-line è leggermente diversa) i turisti avrebbero cominciato a lamentarsi alla presentazione del conto. Dice l’articolo:

“[…]Però la ricevuta era in Kune, la moneta locale, e non si riusciva a capire quanto costava la cena. Allora hanno chiesto che la ricevuta fosse in Euro.[…]”

Le Kune sono la moneta locale ufficiale della Croazia, e dunque mi sembra del tutto legittimo che il conto venga presentato in questa valuta, specie da un piccolo ristorante in una baia peraltro deserta nel pieno di un parco marittimo. Se i turisti non capiscono a quanti euro ammonta il conto nella loro moneta non può essere certamente considerato un difetto del ristoratore.

E’ vero che in molti paesi “quasi-euro” come la Croazia i commercianti accettano anche pagamenti in Euro (un po’ come se i nostri negozi accettassero, e spesso lo fanno, pagamenti in dollari americani), ma è anche vero che se per un negoziante di una grande città come Zara o Spalato è relativamente semplice recarsi in banca per cambiare Euro in Kune, non è garantito che con la stessa faciltà possa farlo il ristoratore della baia semi-deserta. Come dire: è libero di accettare pagamenti in altra moneta, ma non lo si può pretendere come obbligo.

Da esperienza personale (del 2007) posso dirvi che il ristorante Acquarius offre pesce freschissimo, ed un trattamento “onesto”, ovvero un prezzo che per noi europei è assolutamente soddisfacente, anche se al ristoratore offre ampi margini di guadagno, rispetto ai costi: circa 25/30 euro a testa per un pasto completo. Un suggerimento: concordate il prezzo prima della cena!

E voi, che esperienze avete in termini di ristorazione?

La bandiera croata a Bruxelles

 

La bandiera croata di fronte al quartier generale della NATO

La bandiera croata di fronte al quartier generale della NATO

All’inizio di Marzo avevamo parlato dell’imminente ingresso della Croazia nella Comunità Europea. A poco più di un mese di distanza deve essere stata una grande emozione per i rappresentati della nazione (ma anche per tutti i croati!) vedere la propria bandiera sventolare insieme a quelle delle altre nazioni che fanno parte della Nato.

Durante la cerimonia – nella quale sono stati suonati gli inni nazionali dei due nuovi stati membri – il primo Ministro croato Ivo Sanader ha ricordato che l’ingresso nella Nato è stato da sempre, o almeno dall’indipendenza della Croazia, uno degli obiettivi principali del governo. Inoltre ha espresso parole piene di speranza anche in relazione all’ingresso nella Nato della vicina Bosnia-Erzegovina.

“Full NATO membership has been Croatia’s strategic goal since our country declared independence and today’s ceremony is one of the greatest achievements in Croatia’s modern history. The Croatian flag flying in front of us represents generations of Croatians who had eagerly waited for the day when Croatia will become a modern state anchored in the Euro-Atlantic structures of peace and democracy…

Sul sito ufficiale del Governo Croato potete leggere (in inglese) i dettagli della notizia.

 

Nella stessa occasione è stata ammessa all’alleanza nord-atlantica anche l’Albania.