Vela in Croazia RSS Feed

Vela in Croazia

Vacanze a Vela in Croazia. Info, Itinerari, Consigli, Segnalazioni

 
 
 
 

La patente nautica in Croazia | Dozvola za plovidbu brodice u Hrvatskoj

La Patente NauticaA seguito di alcune richieste fatte da diversi utenti (ad esempio fra i commenti al post Navigare in Croazia), riepiloghiamo alcune indicazioni fondamentali sull’obbligo di Patente Nautica (anche per chi va a motore) per non incorrere in sanzioni che rischierebbero come minimo di rovinarvi la vacanza.

I possessori di patente nautica rilasciata da una capitaneria di porto italiana (o di equivalente licenza di altro paese) vedranno il loro titolo riconosciuto anche in Croazia.

Chiaramente le patenti nautiche valide “entro le 12 miglia” vi obbligano a raggiungere le acque croate navigando sottocosta.

Per chi invece in Italia guida senza patente il proprio natante, ad esempio un gommone con potenza del motore inferiore ai 40CV, sappia che la stessa norma non vale in Croazia, ove vige l’obbligo di patente per condurre qualsiasi imbarcazione di lunghezza superiore ai 3 metri e di potenza superiore ai 4kW (circa 6 CV).

Turisti siciliani malmenati a Mala Proversa

Chi ricorre all’uso della violenza per far valere le proprie ragioni è da condannare, sempre e comunque. Però leggendo stamane su “La Sicilia” l’articolo che riportava la notizia che dà il titolo a questo post, mi sono venuti parecchi dubbi.

Stando a quanto dice l’articolo sul giornale (la versione on-line è leggermente diversa) i turisti avrebbero cominciato a lamentarsi alla presentazione del conto. Dice l’articolo:

“[…]Però la ricevuta era in Kune, la moneta locale, e non si riusciva a capire quanto costava la cena. Allora hanno chiesto che la ricevuta fosse in Euro.[…]”

Le Kune sono la moneta locale ufficiale della Croazia, e dunque mi sembra del tutto legittimo che il conto venga presentato in questa valuta, specie da un piccolo ristorante in una baia peraltro deserta nel pieno di un parco marittimo. Se i turisti non capiscono a quanti euro ammonta il conto nella loro moneta non può essere certamente considerato un difetto del ristoratore.

E’ vero che in molti paesi “quasi-euro” come la Croazia i commercianti accettano anche pagamenti in Euro (un po’ come se i nostri negozi accettassero, e spesso lo fanno, pagamenti in dollari americani), ma è anche vero che se per un negoziante di una grande città come Zara o Spalato è relativamente semplice recarsi in banca per cambiare Euro in Kune, non è garantito che con la stessa faciltà possa farlo il ristoratore della baia semi-deserta. Come dire: è libero di accettare pagamenti in altra moneta, ma non lo si può pretendere come obbligo.

Da esperienza personale (del 2007) posso dirvi che il ristorante Acquarius offre pesce freschissimo, ed un trattamento “onesto”, ovvero un prezzo che per noi europei è assolutamente soddisfacente, anche se al ristoratore offre ampi margini di guadagno, rispetto ai costi: circa 25/30 euro a testa per un pasto completo. Un suggerimento: concordate il prezzo prima della cena!

E voi, che esperienze avete in termini di ristorazione?

Previsioni Meteo in Croazia | Vrijeme u Hrvatskoj

Ogni crociera che si rispetti non si può pianificare senza dare un’occhiata (e anche qualcosa di più) al meteo.

Mentre per lo skipper è fondamentale controllare le carte sinottiche per verificare la posizione di basse ed alter pressioni, scongiurando il rischio di violente perturbazioni sul proprio percorso, per il crocierista può essere molto utile verificare le condizioni di nuvole e pioggia.

Sono diversi i servizi a disposizione. Uno di questi è quello offerto dal Servizio Metereologico Croato. Nell’immagine un esempio delle informazioni relative alle previsioni su Šibenik (Sebenico) nei prossimi sette giorni.

Ecco le altre stazioni per cui è disponibile la previsione:

Previsioni Meteo a Sibenik, Croazia

Previsioni Meteo a Sibenik, Croazia

Beli Manastir
Bilogora
Bjelovar
Čakovec
Daruvar
Delnice
Dubrovnik
Gospić
Gračac
Gradište
Imotski
Karlovac
Knin
Koprivnica
Krapina
Križevci
Krk
Makarska
Nin
Ogulin
Osijek
Pag
Pazin
Plitvička jezera
Ploče
Poreč
Požega
Pula
Rijeka
Sinj
Sisak
Slavonski Brod
Split
Šibenik
Varaždin
Virovitica
Vukovar
Zadar
Zagreb

La bandiera croata a Bruxelles

 

La bandiera croata di fronte al quartier generale della NATO

La bandiera croata di fronte al quartier generale della NATO

All’inizio di Marzo avevamo parlato dell’imminente ingresso della Croazia nella Comunità Europea. A poco più di un mese di distanza deve essere stata una grande emozione per i rappresentati della nazione (ma anche per tutti i croati!) vedere la propria bandiera sventolare insieme a quelle delle altre nazioni che fanno parte della Nato.

Durante la cerimonia – nella quale sono stati suonati gli inni nazionali dei due nuovi stati membri – il primo Ministro croato Ivo Sanader ha ricordato che l’ingresso nella Nato è stato da sempre, o almeno dall’indipendenza della Croazia, uno degli obiettivi principali del governo. Inoltre ha espresso parole piene di speranza anche in relazione all’ingresso nella Nato della vicina Bosnia-Erzegovina.

“Full NATO membership has been Croatia’s strategic goal since our country declared independence and today’s ceremony is one of the greatest achievements in Croatia’s modern history. The Croatian flag flying in front of us represents generations of Croatians who had eagerly waited for the day when Croatia will become a modern state anchored in the Euro-Atlantic structures of peace and democracy…

Sul sito ufficiale del Governo Croato potete leggere (in inglese) i dettagli della notizia.

 

Nella stessa occasione è stata ammessa all’alleanza nord-atlantica anche l’Albania.

Le cascate del parco di Krka – Nacionalni park Krka

Uno degli scenari più suggestivi che vi capiterà di visitare in Croazia.

Il Parco Nazionale di Krka ha la sua principale attrattiva in questo gruppo di cascate (sono sedici, in tutto) nelle quali l’acqua – limpida ma verde, all’apparenza, a causa della fitta vegetazione circostante – si riversa, di vasca in vasca, per poi defluire nell’omonimo fiume. il Krka, appunto.

Il parco non è molto grande, ed interamente percorribile a piedi. Un percorso fatto con curate assi di legno vi permetterà di addentrarvi nella vegetazione, e di godere dello spettacolo. Una porzione della “piscina” più grande creata dalle cascate è delimitata da una fila di boette, ed è aperta al pubblico. In Agosto ovviamente ci troverete un bel po’ di gente, a fare il bagno!

Il fiume Krka prosegue poi il suo percorso verso il mare, sfiorando la vicina Skrandin (punto di appoggio per visitare il parco) per poi confluire nella baia di Sibenik.

Raggiungere il Parco Nazionale di Krka

La presenza dell’omonimo fiume rende le cose molto più agevoli, specie se si arriva in barca!

Bungee a Sibenik

Bungee Jumping: un ponte sul Krka

La cittadina di Skradin è raggiungibile in barca a vela, partendo da Sibenik, dato che l’unico ponte sul fiume (vedi foto) è talmente alto che non solo ci si passa comodamente con un albero da 15 e più metri, ma i più spericolati lo usano addirittura per il bungee jumping! Circa 10 miglia di navigazione sul fiume, circondati dalle coste piuttosto vicine e scoscese. La larghezza del fiume è sufficiente, anche nei punti più stretti, per qualunque tipo di incrocio. E’ sempre bene comunque mantenere la destra. Inoltre la navigazione deve essere effettuata rigorosamente a motore!

Una volta arrivati a Skradin si può ormeggiare (il paese è dotato di un porticciolo con qualche decina di posti attrezzati), ed approfittare dell’ottimo ristorante ai margini del paese, gestito da un ex militare che è un po’ un simbolo! Durante l’ormeggio a Skradin quasi sicuramente vedrete un ragazzino armato di macchina fotografica che dal pontile vi immortala, mentre fate la manovra. non prendetevela: non è qualcuno che vìola la vostra privacy! Appena ormeggiati vedrete la foto deo vostro equipaggio, con la possibilità di farvela stampare. Un souvenir personalizzato non certo a buon mercato (5 euro!) ma di sicuro carino!

In funzione del vostro orario di arrivo, potete andare al parco nel pomeriggio, appena arrivati, oppure dormire a Skradin dopo una lauta cena e visitare il parco la mattina seguente. In ogni caso per raggiungere il suo centro (e le famose e bellissime cascate) dovete prendere un battello, il cui biglietto si compra insieme a quello per l’ingresso al parco presso un apposito botteghino a Skradin, in prossimità del fiume.

Hvar, non solo vela (Grazie ai lettori!)

Un lettore, Luca, ci ha lasciato un ricchissimo commento sul post dedicato a Hvar e al marina di Palmižana. Un po’ per premiare la ricchezza del commento, un po’ perchè è scritto davvero molto bene, e un po’ perchè si tratta del primo vero e proprio contenuto fornito dalla community, abbiamo pensato di farne un post! Il lettore ci dà un po’ di dritte sulla vita mondana dell’isola, segnalando diversi locali (alcuni molto costosi, attenzione!) nei quali trovare vari tipi di divertimenti! Siete invitati a lasciare un commento qui sotto, sotto ognuno dei post di questo sito, o a contattarci all’indirizzo contributi (chiocciola) velaincroazia (punto) it con le vostre proposte.

Da Luca:

Hvar e Palmižana…mare davvero molto bello. cale e calette si susseguono lungo le coste delle numerose isolette di fronte a hvar. una settimana non basta per fare il bagno nello stesso posto la seconda volta.

a Hvar si può visitare la fortezza spagnola che domina la cittadina, la piazza centrale piena di locali e localetti così come i vicoli percorribili solo a piedi che disegnano questa cittadina votata al turismo.
I locali cult sono il Carpe Diem (sul porto aperto tutto il giorno) che ha aperto la scorsa estate anche su una delle isolette. Qui è possibile mangiare e bere tutto il giorno sdraiati su grandi divanoni sotto la pineta;
alcuni isolotti sono frequentati da nudisti e può capitare di vedere persone che, diciamo, si vogliono bene intensamente sugli scogli e tra la natura!

Ogni isolotto ha un ristorantino dove il pesce è sempre freschissimo e a buon mercato.

Il Veneranda (dall’altra parte del porto di Hvar su per la collina). A metà tra carpe diem e veneranda la terrazza dell’Adriana Marina Hotel & Spa. Il migliore (e più costoso) ristorante si trova esattamente attaccato al carpe diem. Grill e banco del pesce su strada, pavimento-acquario: hanno aragoste gigantesche ed il proprietario parla discretamente italiano come tutti sull’isola del resto. La sera di ferragosto ci siamo letteralmente suicidati sotto una montagna di aragoste e cliquot per “soli” 812€ in quattro! ma ne è valsa la pena…e di li tavolino al carpe diem (150 € una bottiglia cliquot,di absolute o di pampero)dove si balla attaccati come su un autobus anche se hai un bel tavolino.

In cima alle scale la parte chiusa del locale con una serie di archetti dove le ragazze più disinibite si mettono in mostra. Alle 2 di notte il carpe diem chiude e la vita si sposta al veneranda una discoteca dentro un fortino. Una pista interna hip hop e una esterna molto più grande commerciale. Attorno tavolini a disposizione di tutti e banconi. Anche un paninaro interno! Non prendete il tavolino al privé. anche 350€ una bottiglia, la musica è lontana e non c’è nessuno…
splendidi i piccoli localini lungo tutte le stradine di questa splendida cittadina. Tante vinerie e divertimento.
Sempre lungo la strada che corre attorno al porto, superata la salita del veneranda, tanti stabilimentini. Di pomeriggio l’aperitivo è d’obbligo in uno in particolare (non ricordo il nome) subito dopo il ponte dell’hotel casinò. Dj set dalle 17:00.

Banca, cambio, market, mercato e giornali italiani si trovano tutti sul lato sinistro della piazza principale delimitata dal porto su un lato e la chiesa dall’altro.
Proprio in fondo al porto, alla fine della piazza l’albergo più antico della cittadina e subito accanto un internet point. Subito dietro la chiesa l’ ipermercato. proprio sul fianco della chiesa, sopra al viottolino che porta all’ipermercato ed alla stazione dei pullman e dei taxi, il mercato ed un altro mini market. sotto le scale docce pubbliche e lavanderia.

Programma giornaliero tipo:

Colazione in uno dei bar sulla piazza. Attenzione c’è chi fa i toast e chi ha i cornetti per non farsi concorrenza. Qualcuno fa un ottimo caffè.
Sempre sulla piazza giornale e la spesa per la giornata di mare al mercato dove da Zoran si prende frutta e formaggio! Occhio al vino locale.. fa skifo e loro lo bevono allungato con l’acqua. Le loro viti crescono poco e sono basse basse sulla terra come cespuglietti di fragole.

In barca si ragguinge una delle tante isolette e si sceglie un posto ridossato e senza nessuno per dare ancora.

Tendalino e si ozia un pochino per digerire la colazione poi bagno!
Si prende il sole e poi un altro tuffo prima di ripartire per andare ad ormeggiare sotto a qualche ristorantino dove si possono gustare grigliate fantastiche.

Altra veleggiata per digerire e raggiungere un’altra caletta per fare il bagno e poi verso il carpe diem sull’isola per un po’ di musica, un cocktail in assoluto relax e un altro tuffo.
Poi si veleggia verso il porto fermandosi sotto l’hotel casinò e con quattro bracciate si raggiunge il cocktail bar con il dj set che già mette i suoi dischi per l’affollato aperitivo sui gradoni che scendono a mare.
Mentre il sole tramonta si rientra in porto o si raggiunge una delle calette ridossate per dormire in rada.
Il porto è affollatissimo e le barche a vela stanno sul lato opposto al carpe diem ed alla piazza. Moltissime al corpo morto e legate tra loro in una lunga passerella di tughe e pozzetti.

Cena in uno dei tanti ristorantini tipici, dopocena a scelta in uno dei piccoli bar sparsi un po’ dappertutto, poi all’Adriana o al carpe diem fino all’1 e 30 per poi farsi gli ultimi goccetti prima della discoteca nei cocktail bar lungo il porto.
Se non vuoi prendere il largo due giorni sono sufficienti per visitare tutta hvar e fare shopping nel mercatino di souvenir o nei negozi di abbigliamento.

Una casa in affitto costa dai 20 ai 75€ a notte a persona. Con 35 in quattro si prende una casa da 6+ 2 con ingresso indipendente propio sopra la piazza principale. Le costruzioni e i vicoli stretti fanno si che se si desidera dormire il rumore della gente che si riversa nei locali dei vicoletti e nella affollatissima piazza non si senta affatto.

insomma

UN BEL POSTO DOVE DIVERTIRSI E RILASSARSI IN AMMOLLO IN UN MARE AZZURRO ED INGRASSANDO A COLPI DI ARAGOSTE,SCAMPI, CALAMARI, RICCIOLE….

L’ALCOOL SULL’ISOLA soprattutto tra i ragazzi scorre a fiumi e non mancano turisti americani ed europei (moltissimi italiani) ubriachi e molesti a notte inoltrata… fate attenzione. comunque hvar è piccolissima e non credo possano accadere particolari drammi senza che qualcuno ti veda e ti dia una mano o dia l’allarme….

BUONE VACANZE A HVAR…. io ci ritorno per la quarta volta l’estate prossima… ormai è tappa fissa prima delle vacanze vere e proprie.

Luca

ACI Marina Palmižana – Hvar

Il marina di Palmižana (Coordinate 43°09,8’ N 16°23,8’ E) è senz’altro l’approdo più comodo che possiate trovare per andare a visitare la stupenda città di Hvar. Ormeggiare a Hvar è infatti – almeno in Agosto – piuttosto improponibile. C’è posto solo per pochi grandissimi yacht sulla banchina cittadina, e mettersi all’ancora lì di fronte non è affatto raccomandabile.

Il marina di Palmižana si trova sull’isola di Sv. Klement, nella baia a Nord-Est. Un comodo ed economico servizio taxi-boat vi porterà a Hvar, coprendo in pochi minuti le circa 2 miglia di distanza.

Il Marina

Il marina, aperto solo nella stagione estiva (quest’anno dal 1 Aprile al 1 Novembre) è piuttosto ben attrezzato. Poco meno di 200 posti, tutti con corrente e acqua al pontile. Il 70% delle imbarcazioni in Agosto è a vela. La sicurezza è garantita con qualunque condizione meteo (al massimo un po’ di risacca con la bora). Nel 2007 prendemmo una bella sventagliata, mentre gustavamo un’ottima aragosta in un ristorantino a poche centinaia di metri dal pontile (vedi Dove Mangiare, sotto), mentre le barche erano assolutamente in sicurezza!
Qualora il marina sia pieno (può capitare, se arrivate dopo le 16.00) potete tentare l’ormeggio nela baia di Vinogradisce, a sud dell’isola, totalmente esposta però ai venti del terzo quadrante. 

I Prezzi

Come per tutti i marina ACI, i prezzi sono pubblicati. Stando alle tariffe 2009 un 12 metri nelle settimane centrali di Agosto pagherà circa 65 Euro. I prezzi pubblicati possono essere come sempre soggetti a variazioni. Farà fede la tabella esposta presso gli uffici del marina.

Dove mangiare

Essendo praticamente d’obbligo una tappa turistica a Hvar, finirete inevitabilmente per mangiare i qualche ristorante del capoluogo. Non preoccupatevi, i croati trattano i turisti molto meglio di quanto facciamo in genere noi italiani! Ma se decidete di rimanere sull’isola, potete provare a raggiungere il ristorante che si trova a poche centinaia di metri dal marina, salendo per il viottolo che porta alla baia a sud dell’isola (Vinogradisce). Buttatevi pure sul pesce, è abbastanza a buon mercato, ma assicuratevi, come sempre, di sceglierlo direttamente dal bancone.

Ulteriori approfondimenti

Come per gli altri marina, c’è una dettagliatissima pagina su Palmižana (con tanto di piano nautico) sul sito ufficiale dell’ACI.

Marina ACI di Palmižana
Tel.: 021/ 744-995 Fax.: 021/ 744-985
e-mail: m.palmizana@aci-club.hr
VHF Canale 17

Aereoporti in Croazia

Raggiungere la Croazia in aereo è abbastanza semplice, anche se un po’ costoso, specie nei mesi estivi.

La disposizione degli aeroporti è particolarmente azzeccata per chi cerca le tipiche destinazioni del turismo nautico.
Aeroporto di Dubrovnik (Ragusa)
Sito web: www.airport-dubrovnik.hr
Telefono: +385 20 773333

Aeroporto di Pula
Sito web: www.airport-pula.hr
Telefono: +385 52 530140

Aeroporto di Rijeka
Sito web: www.rijeka-airport.hr
Telefono: +385 51 842134

Aeroporto di Split (Spalato)
Sito web: www.split-airport.hr
Telefono: +385 21 203555

Aeroporto di Zadar (Zara)
Sito web: www.zadar-airport.hr
Telefono: +385 23 205800

Aeroporto di Zagreb (Zagabria)
Sito web: www.zagreb-airport.hr
Telefono: +385 14 562222

Visualizzazione ingrandita della mappa

I Marina in Croazia: prezzi 2009 – Marine u Hrvatskoj: Cijenik 2009

Come ogni anno l’ACI Marina pubblica sul suo sito web i prezzi ufficiali, suddivisi per periodo e per dimensione della barca, degli ormeggi per tutti i suoi marina.

Personalmente la trovo una cosa estremamente civile, e di grande rispetto verso il turista.

I prezzi non sono dissimili dagli scorsi anni. Il prezzo per i mesi di Luglio ed Agosto è più elevato del 10%  e in alcuni casi anche del 20% rispetto ai prezzi che trovate in tabella. Gli stessi prezzi invece scendono (del 25 o del 50%) nei mesi invernali (in alcuni casi da Settembre, in altri da Novembre).

Come per gli anni scorsi, i prezzi sono – almeno confrontati con quelli italiani – incredibilmente vantaggiosi. Facciamo un esempio…

Prendiamo il marina di Palmižana che si trova in una meravigliosa baia naturale sull’isola di Sv. Klement (arcipelago delle Pakleni), esattamente di fronte a Hvar. Stando alla tabella dei prezzi, il costo di ormaggio per un giorno per una barca di 13 metri (il nostro Ocenais 423 del 2007) è di circa 72 Euro. Questo nella settimana di Ferragosto!

Consultando l’elenco dei marina croati che abbiamo già pubblicato, potrete trovare indicazione di tutti i prezzi. Fate click sul nome del marina di vostro interesse.

Se volete potete consultare drettamente il listino prezzi dei marina aci 2008 in italiano, oppure quello aggiornato al 2009, in inglese.

Turismo nautico in Croazia: i Marina – Nautički turizam u Hrvatskoj: Marine

Ci sono diversi motivi per amare la Croazia. Ma per i velisti ce ne sono molti di più!

In cima alla lista, uno: i Croati l’hanno capita!

Nel senso che hanno capito il senso, hanno colto il significato, e fatto di tutto per cogliere anche la conseguente opportunità. Hanno capito il senso del mare, la sua bellezza, la sua importanza, e hanno capito quanto sia fondamentale attirare questo tipo di turismo. L’Italia invece…beh, diciamo che arranca un po’…basta far parlare i numeri!

I Marina Croati

La Croazia dispone di circa 50 moderni marina, dei quali circa la metà fa parte della rete ACI, per un totale di circa 6000 ormeggi, 5000 dei quali distribuiti nelle isole. Aggiungete i marina privati e non, e la capacità sale a circa 16.000 (sedicimila!), che raddoppiano quasi (per arrivare a ben 30.000 posti barca) se aggiungiamo i porticcioli sportivi adattati alle esigenze del tunismo nautico.

In tutti i marina principali sono presenti sedi di società di charter e scuole di vela, oltre che i comuni servizi di rimessaggio ed assistenza.

Per avere ulteriori informazioni potete rivolgervi all’Associazione dei Marina Croati (hgkri@hgk.hr), o alla Camera di Commercio Croata (Telefono +385(0)1 456-1555), contattabile anche via sito web in inglese, che però ha molte meno informazioni di quello croato, oppure potete rivolgervi all’ACI Club (il cui sito web i 4 lingue sarà certamente fonte di preziose informazioni). Di seguito i link alle pagine informative dei principali marina ACI.

Amici velisti, benvenuti nel vostro paradiso!